Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/279

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Puttane ancuò xe terminà la festa,
    Sentì oramai la Predica, che sona;
    Adesso i Preti, e i Frati ve abbandona,
    4E i torna a metter sù capuzzo, e vesta.

Servili sto pochetto, che ve resta,
    Ch'i ve dirà 'na Messa dopo Nona,
    E colla man, ch'i v'hà toccà la Mona,
    8I ve farà la crose sulla testa.

Che bel vederve, come in zenocchion
    In abito da voto a mo desmesse
    11Un occhio al Cristo, e l'altro a Fra Berton;

E finzendo ascoltar Ufficj, e Messe,
    Fin, ch'elli in fronte ve farà el croson,
    14Farghe tirar el Cazzo in le braghesse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/279&oldid=60563"