Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


I TRE VERI GUSTI, CHE GHÈ AL MONDO.


SONETTO


Tre soli gusti, e veri a mi me par
    Ghe sia a sto Mondo, e diga pur chi vuol;
    Uno xe quello, co chiavar se puol
    4La Donna, che v'hà fatto sospirar;

El secondo xe quello de magnar,
    Quando da fame el stomego ve diol,
    El terzo, che ai do altri el liogo tiol,
    8El xe quando, che scampa da cagar.

Mi sò, che avanti, e dopo mal se stà
    Del chiavar, e magnar, co ben riffletto,
    11O per la vogia, o per la sazietà;

Nò cussì del cagar, che dà diletto
    Quando, che scampa, e quando, che se fà,
    14Onde a rason lo stimo un gran licchetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/28&oldid=60564"