Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODA LA PUTTANA.


SONETTO


Sia benedetto pur el tempo, e 'l liogo;
    In dove, che se tocca, o che se chiava,
    Dalla testa gnessun no me lo cava,
    4Che questo no sia al Mondo 'l più bel ziogo.

Quando, che colla Donna no ghè sfogo,
    La ne deventa un peso, che n'aggrava,
    E fin tanto, che 'l Cazzo no se sgrava,
    8Se consumemo, come cera al fogo.

Benedetta sìa pur la puttanella,
    Che ne dà in tutti i tempi un gran trastulo,
    11E se puol far quelo, che se vuol con ella.

Per mi cussì l'intendo, e no ve adulo,
    Sìa pur quanto volè la Donna bella,
    14Co l'è da ben, pettevela sul Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/27&oldid=60559"