Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/271

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'ULTIMO DÌ DE CARNEVAL.


SONETTO


L'ultimo dì xe ancuò de Carneval,
    E ste gran Buzarone gà fenìo
    De tiorlo in tel davanti, e in tel dadrìo,
    4De rovinar sta Zente, e farghe mal.

Se vedarà, chi in Piazza gà fallìo,
    Chi è pien de' Bollettini all'Ospeal,
    Chi hà rosegà dall'ulcere el Cotal,
    8E coi corni in testa più d'un Marìo.

Dopo vien la Quaresema, e a Castello
    Se vederà le gondole serrae,
    11Che desmonta sul tardi a far bordello;

E quelle, che no è stà ben schiavazzae,
    Le và a posta in quei siti a tior l'Osello
    14Per mandar i Bastardi alla Pietae.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/271&oldid=60561"