Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/270

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Cosa me fà da rider quando sento
    Dai coppi in zò l'onor restituido
    A una Donna fottua da più de cento
    4Con una vera in deo proprio mi rido.

In quel punto la prova el cuor contento,
    Ma sempre la gà in testa el Dìo Cupido,
    Che 'l primo amor in ella no xe spento,
    8E a tempo, e liogo torna zà al so fido.

L'è compagna d'un sbirro, che desmette
    De far el so mistier per cinger spada;
    11Per quanto in gran figura lù se mette

Mai perde l'usma dell'antica strada,
    E sempre 'l se ricorda le manette,
    14E cussì fà la Donna mal usada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/270&oldid=60560"