Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/269

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA L'ANTEDETTO SPOSALIZIO.


SONETTO


Sentì, come che pensa sto Mondazzo,
    E se col so pensar el se cogiona,
    Quella Metilde publica in Campazzo,
    4Ch'a ogni Nazion gà sbalancà la Mona,

L'hà trovà so Eccellenza visdecazzo,
    Che la sposa, e la fà Dama, e parona,
    La deventa in vertù de quel so Cazzo
    8Una Dama d'onor, una Matrona.

No xe un pensar da fioi de buzarone,
    Che 'l vizio s'abbia in la vertù a muar
    11Per le strade le più sporche, e più barone.errata corrige originale

Mi, che 'l vero hò volesto sempre amar,
    Senza confonder tempi, nè persone,
    14Voggio solo puttane ancuò chiavar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/269&oldid=60558"