Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/264

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Per cosa fali mai tanti Poeti
    Cesarotti, Durante, e 'l gran Frugoni,
    Florio, Gozzi, e tant'altri, oltre'l Goldoni,
    4Canzon, Ode, Capitoli, e Soneti?

Per cosa mai ste feste, e sti balleti
    Sti mantò, pontà sù, sti perucconi,
    E questi da ricchissimi Epuloni
    8Sontuosi, e superbissimi bancheti?

Perchè d'invido tanti bollettini,
    Perchè de barche niove sta Corona,
    11Ste livree, cappe nere, e Ballottini?

In summa perchè ancuò sta gran chiccona,
    Perchè sù d'un bacil tanti Zecchini?
    14Vel dirò mi; Per romper una Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/264&oldid=60554"