Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/263

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Viva cà Zon, e viva la novizza,
    Sior Davide co vù me ne consolo,
    Ch'alfin v'avè stuffà de dormir solo,
    4Ne mettè più sul letto la pellizza;

Procurè pur, che 'l piavolo se istizza,
    Che 'l tempo xe fenìo, che 'l staga molo,
    Chiapè la vostra Sposa a brazzacolo,
    8E gratteghela ben, se la ghe spizza;

Montè pur suso, se volè far razza,
    Fè, che la daga la so gran slargada,
    11Che 'l Cazzo goda, e che la Mona sguazaerrata corrige originale.

Stè saldo in poppe, e no fallè la strada,
    Ficandoghelo sù senza spuazza
    14Deghe una potentissima chiavada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/263&oldid=60553"