Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/262

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LO SPOSALIZIO DEI MEDESIMI.


SONETTO


Col rito della Santa Madre Chiesa
    Essendo le Parti consenzienti,
    Coll'assenso de tutti i so parenti
    4Siora Metilde el tiol in quella Sfesa.

Se piase a Dìo, ch'i campi fazza presa,
    Nù vedaremo a nascer dei portenti,
    Che, se i vuol someggiar ai so ascendenti,
    8Se accorzeremo un dì, quanto, ch'i pesa.

Degna stirpe d'un'alta gerarchìa,
    Capaci de no far mai azion bone,
    11Privi d'onor, senza cavallerìa,

Smerda Cappelle, sbruffi, e magna-Mone;
    In summa; per la Verzene Marìa,
    14Una razza de bestie buzarone.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/262&oldid=60552"