Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/261

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLA NOVIZZA DEL MEDESIMO.


SONETTO


Cara Siora novizza, mi ve auguro
    Tutto dal Ciel quel, che desiderè,
    Principalmente in letto, che trovè
    4El Sposo de bon polso, e Cazzo duro.

Nell'atto, che 'l ve sbusa, me figuro,
    Che brusor in la Mona sentirè,
    Ma da là a un poco, oh che gran gusto 'l xè!
    8Me par sentirve a dir, ve lo seguro.

Sentì però no ve ne stè abusar
    Del piaser, che 'l Marìo ve dà, che quelo
    11Troppo in opera messo 'l puol mancar.

Con dolce quiete, e carità godelo,
    Perchè, se 'l farè troppo sfadigar,
    14El poveromo strupierà l'Oselo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/261&oldid=60551"