Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/257

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Quella Città, che tanto rallegrava,
    Che tanti bei spettacoli se fava,
                        18Che tanti lavorava

In far Archi trionfali, e Culisei,
    Altro ancuò no la fà, che di Agnus Dei;
                        21Che cose da puttei!

La malizia de Roma xe ridotta
    Tutta zente, che porta la Callotta,
                        24Nemici della Potta,

Ch'ai Omeni proibisce ogni trastulo,
    E pò i và lori tutti quanti in Culo,
                        27Che 'l Papa xe 'l so bulo,

Che li sostenta, e che dà appanaggio,
    Perchè le fiere i xe del so Serraggio.
                        30Ch'a lù i ghe presta Omaggio,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/257&oldid=64588"