Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/258

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E lù daccordo xe co sti volponi
    Per tior in mezzo tanti gran cogioni.
                        33Questi quà xe i campioni

Della Roma d'adesso, che fà acquisti
    Non con la spada in man, ma con i Cristi,
                        36Che oggetti, e tutti tristi,

Ch'in vece delle Feste Neroniane
    No se sente a sonar, che le Campane,
                        39E a bandir le puttane!

Del Papa tutti quanti i baccanali
    Xe a far dei Monsignori, e Gardenali;
                        42Questi xe i Lupercali:

E quel bel corso un dì delle carrete
    El xe ridotto a consacrar un Prete;
                        45See funzion poverete

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/258&oldid=64589"