Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/256

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Vardo Roma coi occhj della mente
    Al tempo de quei gran Imperadori,
    Ch'in Campidoglio coronai d'allori
    4I trionfava vestij superbamente;

Co i se trattava lussuriosamente
    Nei conviti, in le feste, e nei amori,
    E quando colle fiere, e i gladiatori,
    8Tutta Roma i tegniva allegramente.

La vardo adesso, e vedo convertìe
    Tutte ste cose in Salmi, e in orazion,
    11In Cappelle, Oratorj, e Scuole pìe,

In suffragi, indulgenze, e procession
    E pò tanti, che và a basar i pìe
    A un Prete, che stà là, come un cogion.
                        15Oh che gran mutazion!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/256&oldid=60548"