Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/251

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Alfin so Santità l'hà fatta bella
    Per dar un contrassegno del so affetto
    Alla Patria el gà fatto un regaletto
    4Senza dar fuora gnente de scarsella.

Regalarìa anca mi quella puttella,
    Ch'un gran gusto me dà col so busetto,
    Se, come lù, podesse co un basetto
    8Pagar l'obbligazion, che gò con ella.

No credè el n'abbia dà qualche capello,
    Nè quel negozio dei Canonicati,
    11Ch'anzi ancuò no se parla più de quello.

Nol n'hà dà l'elezion dei Vescovati,
    Ma saveu cosa, che'l n'hà dà de bello,errata corrige originale
    14Un gius de buzarar i Preti, e i Frati.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/251&oldid=70210"