Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/250

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Podeu dar più superba cogionada,
    Papa Clemente, a sto vostro Paese,
    Xe passà un anno, o al più ghe manca un mese,
    4Nè fatto per lù avè 'na buzarada.

Co un poche de medaggie vadagnada
    Avè in do settimane, e lite, e spese,
    E 'l Venezian magnanimo, e cortese
    8Dona a chi ghe domanda, e no ghe bada;

E pò con un fioretto da nasar
    Pretenderessi, caro cortesan,
    11Le vostre obbligazion de soddisfar?

Ve credevimo un Papa Venezian,
    Ma col vizio baron de cogionar,
    14Sè anca vù, come i altri, e sè Roman.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/250&oldid=60543"