Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/247

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Zente, che per el Cielo s'hà castrà,
    E proprio s'hà desfatto da Creature,
    Quando no ne cogiona le Scritture
    4In tutti quanti i tempi ghe n'è stà;

Ma alle Statue, che far no puol peccà,
    Perchè fatte le xe de piere dure,
    A farghe batter vìa quelle fatture
    8La me par una gran bestialità.

Cosa credeu, diseme, Padre santo,
    Ch'i Omeni per questo più no fota?
    11Oh! I fotterà, credelo, tanto, e tanto.

Bisognerìa per far Roma devota,
    E che tutto 'l sborar andasse in pianto,
    14Che le Donne nascesse senza Pota;
                        Ma anca questa ve scota;
Che, se sto caso se podesse dar,
    17Le se farave tutte buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/247&oldid=60539"