Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/248

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Sto Papa fà le gran buzararìe,
    L'hà messo la so Patria Veneziana
    In contumacia, come una puttana,
    4Senza sospetti, e senza zelosìe.

Quando ghè vegnù in testa ste pazzìe,
    Perchè ancora no metter la Toscana?
    La xe pur fatta anch'ella partegiana
    8Della zente, che fà Piraterìe.

O no gà, chi 'l dirrige gran giudizio,
    O se'l gà, lori tenta alla zornada
    11De far andar sto Papa in precipizio.

Mi ghe darìa una bona cogionada,
    Metterìa in contumacia 'l Sant'Uffizio,
    14Che quella xe una pesta buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/248&oldid=60540"