Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/246

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Me despiase, per Dìo, Padre Santissimo
    Sentir nell'imbarazzo, nel qual sè,
    El pezo xe, che se no remediè,
    4Tutto v'anderà mal, anzi malissimo.

El Rè de Portogallo fedelissimo
    Zeerrata corrige originale stuffo, agro de vù, che zà 'l savè,
    El medita gran cose, e vederè,
    8Che 'l farà tutto, abbielo per certissimo.

Genova ve strapazza in tal maniera,
    Che par, che la ve gabbia in quel servizio,
    11E i Veneziani ve fà poca ciera.

Vù donca per scampar sto precipizio,
    Sentì un consegio da scolpir in piera,
    14Manco d'ippocrisìa, e più giudizio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/246&oldid=60538"