Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/245

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


El Papa s'hà volesto tior l'impazzo,
    Che nol ghe n'hà, che basta dei braghieri,
    Alle Statue dei Prencipi, e Guerrieri
    4De farghe tagiar vìa de peso 'l Cazzo.

L'hà giudicà, che possa quel membrazzo
    Alle Donne far voggia, e ai Cavalieri,
    E far prevaricar Cappe, e Staffieri,
    8E tutti i Prelatini del Palazzo.

Ma mi de questo gnente me lamento,
    Che vada per sto fatto qualche Dona
    11A pìe del Papa a far risentimento;

Me diol, ch'alle Pitture de man bona,
    Che giera delle Sale l'ornamento,
    14El gabbia fatto spegazzar la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/245&oldid=60537"