Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/244

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Che ordeni mai deu Papa Clemente
    De far tagiar le borse col Cotal
    Alle Statue, che xe sul Quirinal?
    4Cosa voleu, che mai diga la zente?

Dei altri, ch'hà menà vita innocente
    Hà messo 'l Culo in sul Trono Papal,
    Eppur a questo, che vù fè un gran mal,
    8No i gà pensà 'na buzarada, gnente.

Statue se vederà, che tante spese
    Hà costà alle fameggie principali,
    11Rovinae, come chi gà 'l mal francese!

Voleu un remedio per varir i mali,
    Che causa la lussuria in sto Paese?
    14Feghe tagiar el Cazzo ai Gardenali.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/244&oldid=60536"