Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/243

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Andava 'l Papa al so Taulin studiando
    Per dar vìa quei capelli, che 'l gaveva,
    Ma per quanto 'l studiasse nol saveva
    4Sora, che teste andarli vìa puzando;

Quando, ch'all'improviso un so comando
    S'hà sentìo a vegnir fuora, che diseva,
    Ch'alle Statue, che 'l Cazzo se vedeva,
    8Se vaga anca i cogioni vìa tagiando.

Mi hò credesto, che fusse devozion,
    El far tagiar quei membri, e quei borsoni,
    11Ma l'ha fatto per far la promozion;

Perchè l'hà tiolto in man quei Capelloni,
    E con tutta la so Consolazion
    14Sù quei Cazzi 'l li hà messi, e quei cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/243&oldid=60535"