Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/242

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Vostro fradello ancuò Procurator,
    Che no hà fatto l'ingresso, e nol farà,
    Co'l giera alla bestemmia Esecutor,
    4Hà proibìo, che se nua per la Città.

Vù Papa a forza d'oro deventà
    Con fanatico zelo, anzi furor,
    Ai più bei resti dell'antichità
    8De batter vìa l'Osello avè buo cuor.

Ch'odio è mai questo con el membro uman?
    Chiettini strambi tutti do! Che sorte
    11De pensar miserabile, e villan!

In vece de ste idee cogione, e storte,
    Sarìa meggio aver cuor più Venezian,
    14E sentir per la Patria amor più forte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/242&oldid=60534"