Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/237

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NELL'ELEZIONE DEL PAPA REZZONICO.


SONETTO


Zà, che per grazia de Domenedìo,
    E con piaser dell'universo intiero,
    Messo avè 'l Cul sul scagno de San Piero
    4Coll'arte della Volpe, e del Conìo,

Arrecordeve mò, che sè un gran fìo
    De sta Città degnissima d'Impero,
    Abbiè per ella un amor grato, e vero,
    8Che chi no è giusto, no puol esser pìo;

Voggieghe ben ai Prencipi Cristiani,
    Più de quel, che vien, no pretendè,
    11E dalle brighe fene star lontani.

Nevodi, e amici lasso, ch'ingrassè,
    Ma basta, ch'abbiè cuor ai Veneziani,
    14Ch'a Venezia un gran impegno avè.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/237&oldid=60528"