Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/235

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AD UNA MUNEGA.


SONETTO


Una cosa vù fè contro Natura,
    Mia cara venerabile donzella,
    A star serrada in una stretta Cella,
    4Eppur anzi la xe cosa assae dura.

Altro pensier, ed altra maggior cura
    Sarìa metter al Mondo una puttella,
    Che procurando la facesse anch'ella
    8Razza, che stasse fin, che 'l Mondo dura.

Poter de Bacco! Anzi poter de Dìo!
    Buzzolai dovè far stando serrae,
    11E ogn'altro spasso, ogn'altro gusto indrìo.

Sbreghè la porta, rompè le ferriae,
    Fuora saltè, tegnive al pensier mio,
    14E feve dar delle bone chiavae.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/235&oldid=60526"