Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/234

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLA MADRE PRIORA.


SONETTO


Mo, che Diavolo feu, Madre Priora,
    Che tutto'l zorno fè sì gran schiamazzo,
    Chiamar el Zardinier, palparghe'l Cazzo,
    4E pò sborar cinque, o sìe volte all'ora?

Farve ben sfregolar sotto, e de sora,
    Zuppegarve le tette, e quel solazzo
    De dormir nel zardin nua sul stramazzo,
    8Mo, che Diavolo feu Madre Priora?

Xela questa l'usanza del Convento,
    Sgangolir per el Cazzo del fattor,
    11E menarve la Mona ogni momento?

Bisogna dir, che gabbiè assae calor,
    Volerlo zorno, e notte sempre drento,
    14E pò dirè, che'l crìa el Confessor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/234&oldid=60525"