Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/232

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DOCUMENTI ALLE MUNEGHE.


SONETTO


Povere Muneghette abbandonae!
    Quanto me fè peccà trà quei do muri!
    Per quanto, che criè, che fè sussuri,
    4Altro no podè far, che le Monae.

Una volta più gieri coltivae,
    E i Omeni de vù giera più furi,
    Adesso, co i se sente i Cazzi duri,
    8I và a trovar le Donne maridae.

I gà rason, perchè là presto i chiava,
    E da vù altre ghe voleva i ani,
    11E pò 'l Cazzo in quei ferri 'l se sbrogiava.

Per riparar del viver vostro i dani,
    Raccomandeve ai Frati della Fava,
    14O ai vostri cari dei, s'i gavè sani.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/232&oldid=60523"