Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/231

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER UNA, CHE SE FÀ MUNEGA.


SONETTO


Mondo fottù, canagia buzarona,
    Cazzi v'hò in Culo, e al Diavolo ve dono,
    Condanno i me pruriti a eterno sono,
    4Che dall'insidie voi salvar la Mona;

Lasse pur, che le Donne me cogiona
    Col dir, che'l maggior gusto mi abbandono,
    Che zà nell'atto, che me descogiono,
    8Me creo sora de mi Donna, e Madona.

El chiavar, e 'l sborar xe nomi vani,
    Inutile opinion d'un genio pazzo,
    11Maledetta occasion de tutti i dani;

Che se mai volontà d'un tal solazzo
    Vegnisse a profanar i sacri arcani,
    14Farò, ch'un deo fazza le veci al Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/231&oldid=60522"