Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/230

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


No chiamè 'l Mondo razza buzarona,
    Anzi gradì 'l seccar delle roane,
    E, acciò ve sbora tutti i Cazzi in Mona,
    4Tornè a verzer bottega in Carampane.

Dirave appian, che sè 'na gran cogiona
    Scarsizando l'incerti alle ruffiane
    Col metter el lucchetto alla Simona,
    8Cosa, che no ghe comple alle puttane.

Troppo presto volè descapricciarve;
    E st'elezion la chiamo da merlotta
    11Voler da vostra posta cogionarve.

Eh vìa lassè, ch'i Cazzi pur ve fotta,
    Anzi diseghe a chi vuol buzararve,
    14Che gavè 'l Cul, e per chiavar la Potta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/230&oldid=60521"