Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/229

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


Povera matta, bestia buzarona,
    Chi ve tetta in tel Cul, o in le roane?
    Ai nostri dì ne avvanza tanta Mona,
    4Che no le fà più un soldo in Carampane.

Andè dove volè, che sè parona,
    Tireve pur in drìo dalle ruffiane,
    L'idea vostra xe santa, e la xe bona,
    8Se lontana starè dalle puttane.

Bardassa! Ne vorressi scapricciarne,
    Credeu, che sola siè, ch'abbia la Potta,
    11Povera visdecazza a tormentarne!

Cercherè un dì quel Cazzo, che ve fotta,
    E drento alle ferriae starè a pregarne,
    14Che ve grattemo un poco la Merlotta.

                        Zà la xe cosa nota,
Che drento ai parlatorj in certi nicchi
    17Spesse volte se fà pasta, e sbroicchi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/229&oldid=60519"