Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/225

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO CHI HÀ FATTO LA COA ALL'ANTESCRITTO.


SONETTO


Mi no sò chi sia stà mai quel bravazzo,
    Che gà messo la coa a un mio soneto,
    Se l'avesse trovà bel pensiereto
    4Vorrave compatir quel visdecazzo;

Ma l'hà fatto do versi da Pagiazzo,
    Ch'a ben pensarghe sù no i val un peto,
    Boni solo da far un fazzoleto,
    8Quando avesse cagà un bel Culazzo.

Mi no sò dove mai l'abbia imparà
    Ai versi d'altri far sto brutto scorno,
    11E metter man dove no l'è chiamà!

Spero veder le mie vendette un zorno;
    Se lù hà messo la coa, dove no và,
    14A lù in tel Cul ghe vegna messo un corno.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/225&oldid=60515"