Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/224

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


UNA, CHE VÀ MUNEGA.


SONETTO


Mondo, da ti me parto, e me la batto,
    E me vago a serrar in t'un Convento,
    Che mi no voggio metterme a cimento
    4Ogni dì de combatter con un matto.

Co ti no se puol far alcun contratto,
    Ti manchi de parola ogni momento,
    No ti osservi gnessun proponimento,
    8Diman ti desfi quel, ch'ancuò ti hà fatto;

Ti metti in vista dei gran beni, e pò
    Se trova delle spine sotto i fiori,
    11Nè un gusto mai ti dà, che fazza prò;

Ma, s'anca no se dasse dei dolori,
    Co ti no ghe starave, perchè sò,
    14Che no se puol servir a do signori.

                            “Da ti no voggio onori,
Per Verginia più no voggio esser chiamada,
    17Per poder scognossua star là serrada”.

La coda è stata aggionta d'altro Autore.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/224&oldid=60514"