Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/223

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA D'UNA RAGAZZA ALLA MADRE.


SONETTO


Gavè rason de dirme, siora Mare,
    Che Munega me fazza, avè rason
    De depenzerme 'l Mondo poco bon,
    4E pien d'insidie, e de miserie amare.

Saveu, ch'in questo vù sè delle rare,
    Che dà a so fìe in ancuò de ste lezion;
    Ma vù per altro co ste ammonizion
    8Munega v'avè fatto col sior Pare.

El munegarse sarìa cosa bona,
    Anzi una santa, e salutar condotta,
    11Che metterave in salvo la persona;

Ma ve respondo francamente in botta,
    Che come 'l Cazzo vù avè tiolto in Mona,
    14Cussì anca mì voi tiorlo in la mia Porta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/223&oldid=60513"