Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/222

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SOPRA LO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


S'hà cercà immortalarse chi hà brusà
    El tempio famosissimo de Diana,
    Mi scuso in lù quella passion umana,
    4Ch'un mezzo cussì strambo gà insegnà;

Ma, che 'l conservatorio abbia brusà
    In ancuò la Citella Veneziana,
    E che scusar se voggia sta inumana,
    8Dove mai la rason se troverà?

Gnessuna certo in suo favor ghe val,
    Che se la ghe tirava a sta cogiona,
    11Giera forse incurabile sto mal?

Sior nò, che la podea sta buzarona
    Servirse del remedio universal,
    14E i dei ziogar per divertir la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/222&oldid=60512"