Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/217

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



I vuol saver, e i xe cussì zelosi,
    Ch'i sospetta, che tutti i sìa morosi,
                        63I xe sempre rabbiosi,

E i gà pò un certo far cussì cagnesco,
    Ch'i seccaria i cogioni a San Francesco:
                        66Se i Omeni dal fresco

Pò se cavasse, e fuora d'ogni impegno,
    I mettarave 'l so cervello a segno,
                        69I agguzzerìa l'inzegno,

I studierìa de più l'arti, e le scienze,
    E i tenderìa de più alle so incombenze,
                        72Che delle gran licenze

Ancuò i se tiol per star la notte suso,
    E la mattina i gà tanto de muso,
                        75I gà 'l cervel confuso,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/217&oldid=64583"