Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/216

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



La zente tegnirà, che a più no posso
    Ai maridai i ghe tagia i panni addosso;
                        48Anderà a segno ogni osso,

Le Donne tenderà alla so famegia,
    E la Mare alla fìa farà la vegia;
                        51Sarà una maravegia

Veder ste Donne, come al tempo antigo
    A star a casa senza quell'amigo,
                        54Che alfin pò xe un intrigo,

Che le tien in continnua suggizion,
    Che gnanca le puol dir le so orazion,
                        57Che vuol far el paron,

E drìo per tutto el vuol, che le ghe vaga,
    E gnanca a so Marìo le ghe la daga,
                        60Che infin quando le caga

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/216&oldid=64582"