Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/213

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DECRETO, CHE RICHIAMA LE PUTTANE.


SONETTO


Essendo necessario remediar
    A tanti, e tanti gran inconvenienti,
    Che nasce a causa dei Marj contenti,
    4Che lassa le so Donne praticar,

L'anderà parte, senza derogar
    Le leggi in sto proposito attinenti,
    E che le xe in materia proponenti,
    8Che s'abbia le Puttane da chiamar;

Che queste possa star in ogni sito,
    E sulla porta colle Tette fuora,
    11Come, ch'in altri tempi xe stà scritto.

Sole le possa andar la notte ancora,
    Che, cavandose i Cazzi l'appettito,
    L'adulterio cussì anderà in malora:
                        14Xe veramente ora,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/213&oldid=60509"