Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/212

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL PUTTANESMO PRECIPITÀ.


SONETTO


El puttanesmo, quel mestier sì belo,
    Che giera de gran lustro in sta Citae,
    Per causa delle Donne maridae
    4El xe andà, se puol dir, tutto in flagelo.

No ghè gnanca l'effigie più de quelo,
    Le case xe deserte, e abbandonae,
    No se trova, che quatrro desperae,
    8Che da fame le muor sotto sto Cielo.

Che rovina xe questa! Un poverazzo,
    Ch'abbia voggia de dar una chiavada,
    11No sà dove in ancuò puzar el Cazzo;

Che, se lù và da qualche maridada,
    E che 'l se voggia tior qualche solazzo,
    14Le ghe la fà, per Dìo, pagar salada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/212&oldid=60508"