Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/211

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL PIÙ BEL MESTIER DEL MONDO.


SONETTO


In frà i mestieri della vita umana,
    E no credo de dir un'eresia,
    El più bello me par, che no ghe sìa,
    4D'una Donna, che fazza la puttana.

Ogni zorno la solita campana
    D'averzerghe la porta a chi se sìa,
    Sentir de tanti, e tanti la pazzìa,
    8De chi sirocco vuol, chi tramontana.

Praticar tutti senza suggizion,
    Tiorlo drento da questo, e pò da quello,
    11E co xe sera aver pien el borson.

Dove al Mondo ghe xe gusto più bello?
    Far bezzi, e aver el gusto buzaron
    14De tiorlo in Mona, e de menar l'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/211&oldid=60507"