Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/210

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL PARROCO DE CONTRADA.


SONETTO


Ve prego, sior Piovan, per carità
    De contrada no stè a scazzar le Done,
    Perchè queste no xe opere bone,
    4Ma le xe contro della carità.

Che se ghe xe de quelle, che ve fà
    De quelle cose, che ve par barone,
    In vece de cazzar via ste persone,
    8Andeghe a predicar la carità.

Gesù Cristo imitè, che ben defesa
    Sarà la vostra causa, e persuasa
    11Sarà la zente della vostra impresa;

Citelo lù per far, che ognuno tasa,
    Che bensì l'hà scazzà zente de Chiesa,
    14Ma no l'hà scazzà mai gnessun de Casa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/210&oldid=60506"