Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/209

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LA POLITICA VENEZIANA.


SONETTO


Me par, che la politica no vogia,
    Che 'na Donna, che và de quà, e de là
    Menando dei Osei per la Città,
    4La vegna pò frustà per man del Bogia.

Questa nel nostro Mondo ze una zogia,
    Che conserva l'umana società,
    E questo xe quel balsamo, che fà,
    8Che nò tanto ai ragazzi el Cul ghe dogia.

Questa xe quella, che per ogni strada
    L'aria de libertà ne fà spirar;
    11Altro, che arme, e soldai per la contrada!

E la rason assae chiara me par,
    Perchè, co un Omo hà dà la so sborada,
    14Per Dìo, no l'hà più voggia de criar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/209&oldid=60504"