Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/208

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MANCANZA DEI RUFFIANI È DANNOSA.


SONETTO


In tel profondo Oceano della Potta,
    Come mai poderemio navegar?
    E come in porto poderemio andar
    4Quando no ghe xe più gnessun pilotta?

Come doperaremio la Peotta,
    Che no ghè chi la sappia ben menar?
    Andemo a rischio, che la possa urtar
    8In qualche scogio, e che la resta rotta.

Sentì l'allegoria, che la xe bela.
    El ruffian xe 'l Pilotta, e 'l nostro Cazzo
    11Xe 'l bastimento, che vorrìa far vela.

Quando, che no ghè più quel ruffianazzo,
    Che ve mena da questa, oppur da quela,
    14Come più se tioremio sto solazzo?
                        Bisognerà un ragazzo
Che se tiolemo sù per sto trastulo,
    17E che femo una Mona del so Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/208&oldid=60503"