Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/207

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER L'ARRESTO D'UN RUFFIAN.


SONETTO


Ghe giera un ruffian solo in sta Città
    Ancora per miracolo de Dio,
    Un poverazzo, secco, e desconìo,
    4Misero avvanzo dell'antichità.

Ello solo saveva, dove stà
    Tutte quante le Donne da partìo;
    I hà tiolto sù anca questo, sì per Dìo!
    8Cosa, che veramente fà pietà.

Mi no posso capir sinceramente,
    Come sia tollerà le buzarone,
    11E pò i ruffiani no se vuol per gnente!

Co no se vuol sta razza de persone,
    Questo xe un voler dir tacitamente,
    14Che se fazza chiavar le Zentildone.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/207&oldid=60502"