Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/206

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLI MEDESIMI RUFFIANI.


SONETTO


Ruffiani buzaradi, che sè andai
    Cussì presto a trovar missier Pluton,
    Sappiè, che mi son quà, come un cogion,
    4Perchè no trovo più de far peccai.

D'andar presto a far terra da boccai
    Zà me sento anca mi in disposizion,
    Feme intanto de Donne provision,
    8Che senza fotter mi no stago mai.

Vardè le Bagattine de trovar,
    Che con elle mi voggio tiorme spasso
    11Zà, che de quà no gò podesto andar;

Cussì quelle, che al Mondo hà fatto chiasso,
    In summa prepareme da chiavar,
    14Se nò ghe 'l metto in Cul a Satanasso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/206&oldid=60501"