Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/205

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


Vegnì pur, sior paron, che mi ve avviso,
    Che a cà del Diavol, dove tanti semo,
    In materia de Donne tripudiemo
    4Meggio de quelli, che xe in Paradiso;

Perchè quà una cogiona, o un brutto viso
    Capitar rare volte nù vedemo,
    E col capello in man nù spesso stemo,
    8Perchè no vien chi gà l'abito sbriso.

In summa nù gavemo el meggio, e 'l bon,
    Che sia a sto Mondo, e quà sempre se fotte
    11Con el Cazzo infogà, come un tizzon;

Vegnì via, che farè de belle botte,
    Perchè, come ghè un fuogo buzaron,
    14Sentirè; che più calde xe le Potte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/205&oldid=60500"