Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/204

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIMANDA AD UN DEI MEDESIMI.


SONETTO


Dime, Ruffian, se chiava in tel Abbisso?
    Co se chiava anca là mi son contento,
    De vegnirte a trovar no me spavento,
    4Che zà quel fuogo lo destuo col pisso.

Co dal potente Giove xe prefisso,
    Che ghe sia maschi, e femene là drento,
    E che i sia tutti nui, donca argomento,
    8Che se fotta anca là, nè me stupisso.

Sarave i Cazzi tutti cariolai,
    E nascerave l'erba sulla Potta
    11Quando, che no fottesse anca i dannai.

Per quanto donca, che quel fuogo scotta,
    Tanto più adesso voggio far peccai
    14Per vegnirte a trovar, quando se fotta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/204&oldid=60499"