Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/202

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ASTUZIA DE VENERE.


MADRIGALE


Venere, che xe furba,
    E sà, che appunto piase
    Quel, che ne vien negà;
    Per altro, che in se stesso
    5Xe un'immondizia el sesso,
    E che fadiga, e spesa,
    E un facil pentimento,
    Xe tutto el so piaser,

Hà scielto dei ruffiani
    10Dei Omeni inumani,
    Che vieta, e che proibissa
    El dolce so mestier.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/202&oldid=60497"