Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/191

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'APPARENZA INGANNA.


SONETTO


M'hà parso de veder sù d'un balcon
    Un Visetto geniale, bianco, e rosso,
    Al mio costume me tirava el cosso,
    4E 'l stava duro, che 'l parea un speron;

Allora mi per no parer cogion
    Vago sù per le scalle, e mentre addosso
    Mi ghe voleva andar, ghe vedo el gosso,
    8Che 'l pareva una pogna da cappon,

Alzo sù le carpette, e stomegose
    Ghe vedo le culate, e pò ghe sento
    11Un busetto più largo de sìe nose.

Sentì la mia forcuna, e abbiè spavento,
    Davanti gò trovà tre sole cose,
    14Do panocchie, el Marchese, e 'l scolamento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/191&oldid=60493"