Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/177

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIMANDA D'UNA RAGAZZA ALL'AUTORE.


SONETTO


Me vede una ragazza un dì a pissar,
    Questa se ferma, e me domanda ansiosa,
    Cosa xe quella robba là pelosa,
    4Che ve vedo davanti bulegar?

Mi che comprendo da sto so parlar
    Quanto semplice mai la xe sta tosa,
    Franco ghe digo, che la xe 'na cosa,
    8Che le Donne fà molto consolar.

Allora una gran voggia buzarona
    La mostra sta ragazza de goder
    11Sta medesina, che xe tanto bona;

La me prega de farghe sto piaser,
    E ghe prometto allora a sta patrona,
    Che sarò pronto a far el mio dover,
                        14Con patto de taser.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/177&oldid=60487"