Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/178

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Questa me lo promette, e mi l'abbrazzo,
    E drento la so Mona hò ficà 'l Cazzo,
                        18Che gusto, che solazzo!

La me dise xe questo, che xe quà,
    Nè sò 'l so compagno mai d'aver provà.
                        21Do volte ella hà sborà,

E come un vovo fresco la suava,
    E mi intanto per tutto la palpava,
                    24Le tette ghe basava,

E per darghe al mio Cazzo più trastulo,
    Hò fatto, che la mena ben el Culo.
                    27Spenzeva, come un mulo,

E hò da pò una sborada buzarona,
    Che tutta quanta gò impenìo la Mona,
                    30E allora sta parona

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/178&oldid=64561"