Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/165

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELLA DONNA.


SONETTO


Ti fotterà, se ti averà giudizio,
    Te ne darò più a ti, ch'a questo, e a quello
    Ma no voi, che ti me metti mai l'Osello,
    4Zà ti m'intendi, drento a quel servizio;

Perchè una volta ti m'hà dà un indizio
    Assae cattivo in mezzo d'un bordello,
    Ti volevi tirar zoso a bel bello
    8Un bel ragazzo, e farghe quel servizio.

Basta, mi te perdono, e in sto momento
    Mi te fazzo paron della mia Potta,
    11Perchè ti torni un'altra volta drento.

Ogni dì la sarave troppa botta,
    Siben disposta anca ogni dì me sento,
    14Donca ogni dì el to Cazzo ben me fotta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/165&oldid=60478"